Quaderni valtellinesi | la Cultura locale e il Mondo

Cerca nel magazine

Ultima uscita

Numero 131

Secondo quadrimestre 2021

L’editoriale del secondo quadrimestre 2021 di Quaderni Valtellinesi è dedicato alla Transizione ecologica, un termine divenuto di attualità, a cui è stato dedicato anche un ministero dell’attuale governo Draghi, ma anche un termine che merita un approfondimento e una riflessione. Transizione ecologica indica un passaggio da una condizione ad un’altra: quali sono i termini e il significato di questa dinamica? A questa domanda tenta di rispondere l’editoriale di Dario Benetti.

Su una problematica che sta coinvolgendo tutto l’arco alpino, quella della convivenza tra le attività antropiche e la presenza di dei grandi predatori, in particolare lupi e orsi, è dedicato l’articolo di Robi Ronza nella rubrica Una cultura per vivere. Recentemente la predazione di un gregge di pecore in Val Fontana e la conseguente repentina fuga del pastore dall’alpeggio ha riacceso la polemica e riproposto la questione della compatibilità che deve essere affrontata seriamente. 

Dalla Valtellina e dai Contadi si apre con il primo di una serie di articoli del naturalista Roberto Ferranti che tratteranno il tema della ricerca floristica nella Rezia Italiana. “C’è ancora molto da scoprire in Valtellina e Valchiavenna”, scrive Ferranti, “nel magico mondo del paesaggio naturale”, che ancora resiste e affascina chiunque, non solo botanico, sappia guardare con occhio attento e curioso.

Guido Scaramellini descrive la storica giornata del 6 giugno 2021 in Valchiavenna: la cerimonia di beatificazione di suor Maria Laura Mainetti, dichiarata martire, uccisa in odio alla fede nel 2000, da tre ragazze coinvolte in riti satanici. Una cerimonia che ha coinvolto direttamente le comunità di Colico, di Chiavenna, di Tartano (di cui la beata era originaria) e che ha avuto una grande risonanza, rilanciato dalle parole di Papa Francesco, che ha ricordato la vita di suor Maria Laura nell’angelus di piazza S.Pietro.

Come di consueto Quaderni Valtellinesi va alla ricerca di nuove realtà imprenditoriali, che documentino scelte innovative e coinvolgimento di giovani: è il caso della start-up Pascol di Federico Romeri e Nicolò Lenoci, di Sondrio,  intervistati da Dario Benetti.

Giulio Perotti si diffonde sulla devozione mariana nella chiesa parrocchiale di Rogolo dove “tre delle quattro cappelle laterali sono dedicate alla Madonna”, caratterizzata da confraternite e processioni, che hanno sempre coinvolto la comunità. 

Stefano Zazzi riprende i suoi articoli su Valtellina Olimpica, che ci accompagnano sulla strada organizzativa dei giochi olimpici del 2026, che vedranno coinvolte le nostre valli in un complesso e articolato insieme di opere.

Ancora Dario Benetti si occupa del ricordo di uno dei principali autori della “Carta di Sondrio” del 1986, un documento che resta nella storia dei diritti delle popolazioni alpine: si tratta del sociologo Ulderico Bernardi, spirato a Treviso il 7 aprile 2021 dopo una lunga malattia. Amico della prima ora di Quaderni Valtellinesi, Bernardi è stato uno dei principali difensori delle culture popolari italiane, professore ordinario all’università Ca’ Foscari di Venezia, autore di innumerevoli saggi e romanzi.

Eppur si muove, la rubrica che si apre come una finestra sul mondo, è dedicata al Congo. Giorgio Fornoni, ci racconta di come una nazione ricchissima di risorse naturali possa essere anche contemporaneamente poverissima, avviluppata in una “spirale di guerre infinite e di orrore”. Nessuno ne parla, se non quando c’è qualche coinvolgimento diretto, come avvenuto recentemente con l’uccisione del nostro ambasciatore Luca Attanasio eppure, solo negli ultimi dieci anni si contano ormai almeno 4 milioni di morti.

La rubrica Recensioni, infine segnala due opere molto diverse tra loro: Helgoland, l’ultimo libro di Carlo Rovelli sulle conquiste della fisica quantistica e Giulio Spini, una instancabile passione, a cento anni dalla sua nascita, con un contributo di Claudia Del Barba.

Acquista la nuova edizione de "I Luoghi del vino di Valtellina". In omaggio un abbonamento annuale a Quaderni valtellinesi.

E' ora disponibile la seconda edizione de "I Luoghi del vino di Valtellina", riveduta, corretta e con una nuova introduzione del prof. Marco Vitale. In omaggio con il libro anche un anno di abbonamento alla nostra rivista Quaderni valtellinesi.

I Luoghi del vino di Valtellina è il racconto di una esperienza di lavoro culturale durata otto anni, un’avventura che ha coinvolto persone di diversa provenienza ed estrazione, che ha creato nuove amicizie ed ha portato un grande arricchimento personale a chi ne è stato protagonista. E’ infatti nel 2010 che nasce l’intuizione di creare un gruppo di lavoro per approfondire un tema: il rapporto tra paesaggio e vino in Valtellina.

Scopri di più >

Blog

In edicola il numero 131 di Quaderni Valtellinesi

19 Luglio 2021

L’editoriale del secondo quadrimestre 2021 di Quaderni Valtellinesi è dedicato alla Transizione ecologica, un termine divenuto di attualità, a cui è stato...
Leggi tutto
In arrivo il numero 129

12 Novembre 2020

Arte, cultura, economia e sviluppo sostenibile sono sempre al centro dell’interesse di Quaderni Valtellinesi . Così è anche nel numero in uscita in questo...
Leggi tutto
IN ARRIVO IL NUMERO 128

01 Agosto 2020

Dal 10 agosto in edicola nella provincia di Sondrio e online il numero 128 di Quaderni Valtellinesi, in questo numero: EDITORIALE Spiragli di Risurrezione UNA...
Leggi tutto

Quaderni Valtellinesi, una storia di passione e amicizia.

Era l'ottobre del 1981 quando si diede alle stampe il primo numero del periodico culturale Quaderni Valtellinesi (QV). Il motto, allora come adesso, è: “la cultura locale e il mondo”. Ci siamo lasciati nel novembre del 2017 con il numero 124 e da allora il silenzio non è stato passivo ma è servito per capire quale futuro disegnare per QV. Abbiamo preso fiato, in tutti i sensi, dal punto di vista umano e da quello economico, per interpretare al meglio i tempi che stiamo vivendo e che rendono necessario un cambiamento anche nelle modalità di comunicazione. Oltre un anno di lavoro per mettere a punto, grazie anche al contributo decisivo della Banca Popolare di Sondrio, il nuovo cammino di QV e della sua Cooperativa Editoriale. QV torna, dunque, con cadenza quadrimestrale, nel suo più classico formato cartaceo, decisamente rinnovato nella veste grafica, ma anche in formato digitale. Grazie al nuovo portale web infatti si può ora acquistare e leggere online il singolo numero di QV e ci si può abbonare. Non solo, con l'abbonamento si guadagna il diritto alla consultazione dell’intero archivio del nostro periodico  - oltre 38 anni - di Quaderni Valtellinesi. 

© QUADERNI VALTELLINESI | Privacy Policy | Cookie Policy

designed by Pura Comunicazione